Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 

Quell’amore per le “bollicine”

Gli spumantisti altoatesini hanno una passione innata per il vino

L’Associazione produttori spumanti metodo classico dell’Alto Adige si schiera senza esitazioni in favore del metodo classico, pur trattandosi di una tecnica laboriosa e impegnativa. Lo spumante può contenere solo anidride carbonica ottenuta in modo naturale, e deve compiere una seconda fermentazione in bottiglia. Il tempo concesso allo spumante per maturare è molto più lungo di quello prescritto dalla legge, le bottiglie vanno agitate più volte la settimana, e la sboccatura (la rimozione dei lieviti residui) deve avvenire refrigerando i colli delle bottiglie.

Gli enologi ambiziosi che seguono il processo puntano senza alcun tentennamento all’eccellenza qualitativa, non lesinando sforzi per garantire allo spumante una fermentazione delicata e ottimale. I premi conferiti ai loro prodotti, del resto, la dicono lunga al proposito. Grazie ai bassi tenori di istamina, alla gradevolezza al palato, alla freschezza e alla sapidità, gustare un calice di spumante altoatesino è sempre un piacere sopraffino.

Per farsi un’idea della varietà di sapori e profumi dello spumante altoatesino, l’ideale è far visita a uno spumantificio, degustarne i prodotti e scoprire le “storie” che ogni spumantista ha da raccontare, come il coraggio da pioniere della Cantina Kettmeier, l’altitudine estrema della Cantina Arunda, le vicissitudini familiari dei von Braunbach, l’amore per la tradizione della Cantina di San Paolo, il chiodo fisso per la maturazione perfetta della Cantina Martini, le interpretazioni artistiche della Cantina di Caldaro, o lo spirito innovativo della Cantina di Merano.
  • - Vitigno
  • Pinot nero
  • Cabernet
  • Chardonnay
  • Gewürztraminer
  • Moscato giallo
  • Kerner
  • Lagrein
  • Merlot
  • Müller Thurgau
  • Pinot grigio
  • Riesling
  • Moscato rosa
  • Sauvignon blanc
  • Spumante
  • Schiava
  • Pinot bianco
  • - Servizi
  • Visite guidate
  • Vendita
  • Ristorante
  • Pernottamento
  • - Località
  • Appiano s. S. d. V.
  • Caldaro s.S.d.V.
  • Cortaccia s.S.d.V.
  • Meltina
  • Merano
  • Terlano
Ripristina filtro
221 di 221 visualizzati

Quell’eleganza spumeggiante nel calice

È l’ammiraglia tra gli spumanti altoatesini, un uvaggio che esalta al meglio tutta la varietà degli spumanti di questo territorio. Ciascuno dei sette spumantifici altoatesini fornisce un contributo per il vino base, e ogni anno il risultato – prezioso e attesissimo – fa il suo debutto in società in un’edizione limitata di 200 bottiglie magnum. Un vero capolavoro della spumantizzazione altoatesina.

Ingredienti tratti da un “ricettario” paesaggistico

La composizione minerale del suolo, la direzione del vento, la temperatura del terreno nelle notti stellate e tanti altri fattori favorevoli, sono gli ingredienti tratti da quel terroir inimitabile in cui si produce lo spumante dell’Alto Adige.